Excite

Le domande da non fare alle donne in nessun caso e per nessun motivo

di Simone Rausi

Se state conoscendo quella che pensate possa essere la madre dei vostri figli, la ragazza da presentare a mamma, un’amica speciale con cui passare le vacanze o semplicemente le prossime tre ore (vabbè, facciamo anche due) evitate di fare le domande che troverete di seguito. Potreste perdere la vostra lei per sempre o finire al Pronto Soccorso in codice giallo, dipende dai casi…

COSA VUOI MANGIARE STASERA?: Sembra una domanda facile. Non lo è. Vi diranno “quello che vuoi tu” ma se le portate a prendere una bistecca vi faranno notare che era meglio mangiare vegetariano, vi faranno credere di propendere per un sushi salvo poi uscirsene fuori, al momento di parcheggiare, che una pizza era meglio. La verità è che non c’è una risposta giusta. Per lo meno non ce n’è una veloce. Fate questa domanda ad ora di pranzo in funzione della cena e accertatevi che la risposta resti coerente ogni 45 minuti circa.
CHE HAI?: Dietro questa risposta non data si cela la filosofia del “quando c’è troppo da dire meglio non dire niente. Specie perché non capirai”. A questo punto potrete provare a farvi stare bene il suo “Tutto ok, non ho niente” oppure dovrete indagare come farebbe un aguzzino di Al Qaeda incalzando domande. Il rischio però è che la situazione peggiori...
POSSO BACIARTI?: Una donna non vi darà mai il permesso e se lo farà voi avrete perso comunque cento punti. Bisogna agire senza chiedere, al massimo si becca un rifiuto. Ancora peggio poi è la domanda “Stasera ti va di farlo?”. Ma dico, siete cretini? Il fare all’ammore non si programma come un appuntamento dal commercialista per il 730!.
POSSO BACIARTI?: Una donna non vi darà mai il permesso e se lo farà voi avrete perso comunque cento punti. Bisogna agire senza chiedere, al massimo si becca un rifiuto. Ancora peggio poi è la domanda “Stasera ti va di farlo?”. Ma dico, siete cretini? Il fare all’ammore non si programma come un appuntamento dal commercialista per il 730!.
DOVE VUOI ANDARE?: Domanda a trabocchetto nel senso che la si può fare (anzi, la si deve fare) dopo almeno un paio di mesi di relazione. Nella prima fase le donne vi vogliono intraprendenti, dovrete stupirle, prendere il controllo della situazione. Passata la fase della conquista vorranno essere coinvolte, avere voce in capitolo, decidere. La difficoltà sarà comprendere quando si passa questa linea temporale. Fatevene una ragione…
QUELLO TI PIACE?: Capita a tutti. Si passeggia insieme, poi passa il fratello non riconosciuto di Raoul Bova e lei, distrattamente, getta uno sguardo. Voi non chiedete, fate finta, rassegnatevi al fatto che gli occhi sono fatti per guardare. D’altronde, quando capita l’esatto contrario e lei puntualmente vi chiede “Pensi sia carina, vero?” voi come vi sentite?
AMMETTILO, ANCHE LE DONNE SI DEDICANO AL “FAI DA TE”: Sentite, è inutile che fate gli splendidi. Con questa domanda volete passare da emancipati, da quelli che “Io so come vanno queste cose”, volete forse un alibi per giustificare che voi vi siete slogati il polso più volte o semplicemente vi piace rompere il ghiaccio e virare sul piccante che male non fa. E invece sbagliate. Non fatelo. Don’t ask, don’t tell.
AMMETTILO, ANCHE LE DONNE SI DEDICANO AL “FAI DA TE”: Sentite, è inutile che fate gli splendidi. Con questa domanda volete passare da emancipati, da quelli che “Io so come vanno queste cose”, volete forse un alibi per giustificare che voi vi siete slogati il polso più volte o semplicemente vi piace rompere il ghiaccio e virare sul piccante che male non fa. E invece sbagliate. Non fatelo. Don’t ask, don’t tell.
FACCIAMO A META’?: Le donne amano condividere. Facciamo a metà va bene davanti a un drink, sul letto, con una brioche in mano. Chiaramente non davanti al conto. Ma questo lo saprete già. Lo sapevate, vero?
VUOI AVERE DEI BAMBINI?: Che praticamente è un po’ come chiedere: “Senti, ti va di respirare ogni tanto?”. Ci mancherebbe, esistono delle donne che piuttosto che avere dei figli si arruolerebbero in Marina, ma sono poche e comunque non è quella che state conoscendo adesso. Questa domanda mette a disagio, rende impegnativo il tutto, è sgradevole. Appuntatevelo: non chiederlo mai!
CON QUANTI RAGAZZI SEI STATA?: Anche questa è una di quelle domande che i più sprovveduti di voi si azzardano a fare in una fase iniziale del rapporto, addirittura durante una semplice conoscenza. Beh, siete pazzi, fatevelo dire. È ovvio che, anche quando la risposta fosse uno, lei si sentirà giudicata come una professionista dell’amore in giubbino di ecopelle arancione a passeggio sulla tangenziale. E andiamo, su…
CON QUANTI RAGAZZI SEI STATA?: Anche questa è una di quelle domande che i più sprovveduti di voi si azzardano a fare in una fase iniziale del rapporto, addirittura durante una semplice conoscenza. Beh, siete pazzi, fatevelo dire. È ovvio che, anche quando la risposta fosse uno, lei si sentirà giudicata come una professionista dell’amore in giubbino di ecopelle arancione a passeggio sulla tangenziale. E andiamo, su…

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019